PNRR: al via la rete d’impresa con gli altri Gestori regionali

Ultime novità in evidenza
Filtri
News
Filtri
Categoria
Comune
Data di pubblicazione
  • 2022
  • 2021
  • 2020
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012

PNRR: al via la rete d’impresa con gli altri Gestori regionali

  • Categoria: Comunicazioni

L’ASSEMBLEA DEI SOCI HA DEFINITO ANCHE I COMUNI CHE OSPITERANNO I TRE NUOVI SPORTELLI DI IRISACQUA A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI

L’Assemblea dei Soci di Irisacqua ha dato il via libera alla sottoscrizione, da parte dell’Amministratore Unico Gianbattista Graziani, della Rete di Impresa con tutti gli altri gestori del servizio idrico integrato della Regione per la presentazione di progetti condivisi nell’ambito del PNRR, per una cifra complessiva che supera i 50 milioni di euro.

La Rete d’Impresa presenterà in particolare due progetti. Il primo riguarda la realizzazione di interventi per la riduzione delle perdite nelle reti idriche, non solo sul fronte della sostituzione delle tubature ma anche su quello della digitalizzazione e del monitoraggio delle reti stesse. Il progetto, unico per tutti i Gestori,  è articolato in 7 lotti esecutivi e prevede la ricognizione e la digitalizzazione delle reti di distribuzione di acquedotto, l’installazione di strumentazione di misura e controllo e l’implementazione di un sistema di controllo attivo per la creazione di reti interconnesse, digitalizzate e strutturate per distretti in grado di garantire una maggior capacità di individuazione delle perdite, una maggiore resilienza in caso di criticità e una minore vulnerabilità. Il progetto prevede anche una campagna massiva di ricerca e riparazione delle perdite idriche.

Questo progetto prevede un importo complessivo di quasi 48 milioni di euro, di questi più di 37 sarebbero finanziati dal PNRR. Irisacqua è interessata dal Lotto n. 5 per un importo che sfiora i 4 milioni di euro.

Il secondo progetto prevede la realizzazione di un impianto regionale di essiccamento fanghi a San Giorgio di Nogaro, una infrastruttura a cui verrebbero destinati tutti i fanghi, liquidi e disidratati, prodotti dai sistemi di depurazione acque reflue urbane. Questo intervento presenta un importo complessivo pari a 12,5 milioni di euro, interamente a valere sulle risorse del PNRR.

“Si tratta di due progetti ambiziosi – il commento di Graziani – e ringrazio i Soci per aver condiviso questa impostazione e averci autorizzato a procedere con la costituzione della Rete di Impresa con gli altri gestori. Lavorare in sinergia con loro infatti ci permetterà di presentare un unico progetto su cui massimizzare il punteggio tecnico delle proposte progettuali in relazione ai criteri di valutazione del PNRR, fare squadra insomma ci permetterà di avere maggiori possibilità di accedere a queste ingenti risorse. Non si tratta di una collaborazione estemporanea ma il frutto di un lungo lavoro preparatorio e di molte altre iniziative che ci hanno visto collaborare su più fronti, come il Water Safety Plan e il Masterplan acquedotti”.

NUOVI SPORTELLI IRISACQUA

L’Assemblea dei Soci ha inoltre trovato l’accordo per gli sportelli di Irisacqua che diventeranno quattro, oltre a quello di Gorizia infatti verranno predisposti anche nei comuni di Monfalcone, Ronchi dei Legionari e Cormons.

“Anche questo è un punto importante che migliorerà il servizio che offriamo ai cittadini e agli utenti – sottolinea l’Amministratore Unico di irisacqua – durante la pandemia, quando gli sportelli sono stati chiusi per le motivazioni che conosciamo, gli utenti si sono abituati a svolgere le loro pratiche e a richiedere le informazioni con i canali telematici e telefonici, ora possiamo tornare a fornire un servizio in presenza anche sul territorio, a vantaggio soprattutto di quei cittadini meno propensi all’utilizzo di nuove tecnologie. Studieremo ora i locali che le amministrazioni comunali ci proporranno per allestirli nel modo più opportuno e gli orari di apertura saranno poi determinati in modo da garantire la presenza dei nostri addetti, nell’arco della settimana, almeno una mattina e un pomeriggio per ogni sportello”.

Pagina aggiornata il 14/09/2022

Notizie correlate