Convegno “Acqua: un futuro da costruire senza cemento amianto”

Ultime novità in evidenza
Filtri
News
Filtri
Categoria
Comune
Data di pubblicazione
  • 2021
  • 2020
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012

Convegno “Acqua: un futuro da costruire senza cemento amianto”

  • Categoria: Comunicazioni

AGGIORNAMENTO: I video degli interventi tenuti dai relatori al convegno sono disponibili al seguente link: www.irisacqua.it/convegno-2021


Si terrà nei pomeriggi dell’8 e del 9 aprile il convegno, organizzato da Irisacqua, sul tema della sostituzione delle tubature in cemento amianto nell’impianto acquedottistico, con le sue implicazioni dai punti di vista tecnico, sanitario e giuridico.

Il convegno è rivolto a tutti gli operatori del settore e si terrà on-line sulla piattaforma Zoom.

“Avremo ospiti di alto livello – spiega l’Amministratore Unico Gianbattista Graziani – dal Sottosegretario al Ministero per la Transizione Ecologica, l’On. Vannia Gava, e l’Assessore regionale all’Ambiente Fabio Scoccimarro, fino al prof. Lucentini dell’Istituto Superiore di Sanità e a numerosi tecnici, professori universitari e consulenti che ci permetteranno di affrontare questo tema da tutti i punti di vista. Non vi sono ad oggi prove scientifiche che attestino la pericolosità del cemento amianto nella distribuzione idrica, ma muovendoci sulla base del principio di precauzione, sancito anche dall’Unione Europea e di cui ci parlerà il Prof. Coen dell’Università di Udine, abbiamo dato seguito all’indicazione giunta all’unanimità da tutti i consigli comunali dei 25 Comuni soci di Irisacqua. Questo convegno è un importante passaggio in questo progetto, che ci porterà ad un confronto approfondito su un tema con ancora molti aspetti da chiarire, primo tra tutti come trattare le tubature dismesse”.

“Questo grande progetto – spiega Paolo Lanari, Direttore Generale di Irisacqua – ha preso il via dalla volontà dei nostri soci e ci ha posto di fronte a diverse sfide, la prima è stata quella di reperire i fondi necessari, obiettivo che abbiamo centrato grazie ad una operazione di finanza di progetto da 90 milioni di euro condotta con un pool di banche, la seconda sfida è più ampia e tutta tecnica, vedendoci interloquire con moltissimi attori sia operativi che istituzionali. Questo convegno sarà la sede per avanzare delle proposte e analizzare tutti gli aspetti di un’operazione di questo tipo, prima nel suo genere in Italia e tra le prime in Europa, un progetto decennale che ci vedrà, speriamo, aprire una strada su un tema cruciale per il settore della gestione del servizio idrico integrato”

Pagina aggiornata il 17/04/2021

Notizie correlate